Actions

Work Header

Stop

Work Text:

1

Yusaku si svegliò di scatto, senza neanche rendersi conto delle grida strozzate che uscivano dalla sua bocca.
Aveva la gola riarsa e le corde vocali raschiavano tra loro facendo un gran male, ma il dolore che provava all'altezza del petto era troppo per non dargli una forma.
Solo nel momento in cui l'abat-jour alla sua destra si accese e subito dopo due braccia forti lo circondarono comprese di essere riemerso da un incubo che lo stava lentamente divorando.
«Yusaku, sono qui con te. Respira». La voce di Ryoken lo riportò del tutto alla realtà, scuotendogli il cuore e liberandolo da quella morsa spietata.
(Ora restavano solo le lacrime. Tante lacrime).


2

Ryoken era intento a preparare una camomilla quando avvertì le braccia tremanti di Yusaku stringerlo da dietro.
Prima di entrare in cucina si era assicurato di avvolgerlo in una coperta calda e dirgli di aspettare sul divano in salotto, che nel giro di dieci minuti sarebbe tornato con qualcosa di caldo da bere.
«Perdonami…» sussurrò Yusaku, stringendosi un po' più forte a lui. «Tra qualche ora devi anche andare al lavoro e–»
«Non ho nulla da perdonarti. E non pensare al lavoro, okay?»
Nonostante Yusaku lo stesse abbracciando forte, Ryoken riuscì a voltarsi nella sua direzione. «L'importante è che tu stia bene».
(E che tu non soffra mai più).